accedi   |   crea nuovo account

Il mostro (consigli contro l'abuso)

Grottesco è il suo aspetto:
gli occhi di brace,
villoso il torace,
irsute le orecchie,
il naso gibboso...
un tipo davvero curioso!
Non è questo il mostro
di cui diffidare
e dal quale si deve scappare.
Talvolta, al contrario,
è un individuo, piuttosto,
di gentile aspetto,
di sguardo ammiccante,
che con voce suadente,
l'ingenuità carpendo,
confidenza stringendo,
gli infanti depreda dell'innocenza
con impertinente fraudolenza
nella sua più totale indifferenza
per l'altrui sofferenza,
senza scrupoli di coscienza.
È come un velenoso
serpente strisciante,
come vampir,
dal morso, mostricizzante:
più a contatto vi si sta,
più deleterio e devastante
il suo effetto nel tempo sarà!
Criminal più abietto
di questo non v'è!
Nessuna punizione
mai degnamente potrà,
le piccole vittime ripagar
delle sue atrocità:
neanche l'inferno per l'eternità!
E nessun mai,
l'infanzia rubata
restituir loro potrà.

Se lo volete evitar,
i semplici consigli
che mia madre
da piccina mi diede
dovreste ascoltar:
- per strada con gli sconosciuti
a parlar non vi fermate!
- Se vogliono darvi un passaggio,
scappate!
- Se qualcun vi mostra un interesse strano
e strane cose vuol farvi far,
parlatene con mamma e papà!
E adesso aggiungo io,
- che se il mostro è in casa,
e allora son dolor!
Parlatene con l'altro genitor
e se questo non vi sente,
parlatene con altra gente!
Amici, insegnanti, professor...
Buttate fuor la VERITA',
l'unica cosa che dal mostro
salvar vi potrà!

 

2
8 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 14/11/2012 13:53
    Contenuto veritiero, quindi un dato di fatto, scritto in una maniera eloquente e delizioso. Complimenti!
  • Rocco Michele LETTINI il 14/11/2012 10:07
    UNA SEQUELA DI CONSIDERAZIONI ALTAMENTE ELOQUENTE...
    UNA TESSERA DI PRESENTAZIONE PER NON LASCIAR PASSARE CHI CARPISCE L'INGENUITA' E LA BONTA' ALTRUI..
    MIIRABI I MESSAGGI DI CHIUSA... IL MIO ELOGIO STEL...

8 commenti:

  • Anonimo il 16/11/2012 08:56
    2° commento primo andato perso:
    molto bella questa denuncia a toglie il sorriso ai bimbi mostri spregevoli che vanno segregati e poi curati... ma via dalla portata dei bambini brava Stel un abbraccio
  • loretta margherita citarei il 14/11/2012 15:12
    un appello che deve essere accolto e condiviso, brava
  • stelsamo il 14/11/2012 13:03
    A Vera rispondo che è vero che molti di loro possono essere malati, ma purtroppo sempre più oggi, dietro presunte malattie si giustificano troppi misfatti. Inoltre, chi è malato deve volersi far curare!
  • Anonimo il 14/11/2012 12:51
    Bravo, Stelsamo: la poesia non è soltanto a servizio dei nostri sogni, ma di qualsiasi passione dell'anima. E quale passione è più sacrosanta di quella a difesa degl'innocenti?! Però, per essere veramente efficace, essa deve mirare a promuovere la CURA, più che la condanna, dei pedofili perchè certamente si tratta spesso di veri e propri malati psichici. Farne dei mostri serve solo a farli nascondere e renderli, quindi, ancora più pericolosi.
  • Alessandro il 14/11/2012 11:51
    Un componimento che è anche una lezione importante. Purtroppo i mostri esistono davvero.
  • Diallo Mamadou " Kenz " il 14/11/2012 11:00
    bel componimento davvero, mi è piaciuto molto...
  • laura il 14/11/2012 10:55
    un argomento molto sentito! ci hanno abituati ad immaginare il mostro, come un essere brutto, un personaggio orrendo... ma la maggior parte delle volte il mostro si nasconde in quelle persone rispettate e di bell'aspetto. Bisogna sempre dire la verità, non bisogna aver paura! parlare di quel mostro è l'unico modo che si ha per salvarsi e la tua poesia è un incitamento alla salvezza, al fidarsi di chi ci può aiutare! bella e molto intensa ciao
  • stelsamo il 14/11/2012 09:39
    Tempo fa, avevo scritto questa poesia, come poesia a tema sulla pedofilia su un altro sito, dove però, non l'hanno pubblicata, così la ripropongo qui!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0