accedi   |   crea nuovo account

Li Astri e noi

Lo perpetuo ire
de li celesti Astri
che lo firmamento
senza fine
accendono,
lo Grande homo
a meditar porta,
sì da rimpicciolirsi
un poco
e a lo Grande Architetto
de la vita
prostrarsi riconoscente.

 

2
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • stelsamo il 16/11/2012 08:49
    È proprio così: la magnificenza del cosmo, con i suoi astri che accendono la volta celeste, spingono l'uomo ad ammirarne la bellezza. Di fronte a questo splendore, ci sentiamo molto piccoli e siamo portati ad inchinarci davanti a Dio, che ha compiuto simili prodezze!

4 commenti:

  • stelsamo il 16/11/2012 08:50
    Bellissima riflessione, molto apprezzata, complimenti!
  • Eugenia Toschi il 15/11/2012 18:59
    Una bella riflessione in rima...
  • Alessandro il 15/11/2012 15:57
    L'uomo rimpicciolito dinanzi al titanico ciclo degli astri. Apprezzata
  • Antonio Garganese il 15/11/2012 13:52
    Riflessione profonda, validissima nel momento che attualmente viviamo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0