username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Scontri in piazza

Voglio contare quante
sono le lacrime cadute
dai tuoi occhi!
Quanta l'intensità della
rabbia e del dolore
che serve per sodomizzarti
Voglio strizzarti il cuore
e capire quante gocce di sangue
puoi versare prima di segnare
la tua sottomissione
Quanti morsi di odio hai
deglutito per saziarti di
disprezzo
Quale scuola ti ha educato
allo svuotamento del
cervello. Ad annullare la
ragione e farti automa
del potere.
Quale droga ingurgiti
quando scendi
nella piazza
Quali fumogeni vagano nelle
nelle tue vene quando
mascherato da tutore
della legge diventi
promotore di guerriglia
Idrofobo cane da guardia
dei potenti
affondi i tuoi colpi sopra un
corpo come il tuo
nudo d'armi e di difese.
Burattino che ti muovi
legato ai fili dei mastini
del palazzo.
Nessun alibi di obbedienza
salverà la tua coscienza
azzannata da ricordi che
ti porteranno alla follia!

 

3
2 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giulia Aurora il 12/11/2013 00:37
    pianto di follia per questa guerra degli ultimi molto intesa e espressiva fa riflettere
  • Anonimo il 25/04/2013 19:51
    Incisivi versi che denunciano la violenza degli uomini che non dovrebbero mai sopraffare altri esseri umani, durante gli SCONTRI IN PIAZZA, poichè nessuno deve prevaricare il proprio fratello. Un po' di fratellanza, rispetto e comprensione sociale verso i più deboli, sarebbe l'ideale, per una sana ed umana convivenza civile. Speriamo che, in futuro, si giunga ad essere coesi nell'amore globale, gli uni con gli altri. Una bella lirica, apprezzata per contenuto e forma; testo amaro, quanto veritiero!
  • Alessandro il 17/11/2012 14:27
    Lacrime per la follia di una guerra tra poveri. Per quanto mi riguarda, la violenza chiama violenza, e viene inevitabilmente da entrambe le parti. In molti di noi, un grido straziante che implora "Smettetela!"
  • Rocco Michele LETTINI il 17/11/2012 09:15
    PAGINE CHE NON VORREI LEGGERE...
    L'HAI GRIDATO CON IL DOLORE CHE COVA NEL TUO CUORE, QUOTIDIANAMENTE ATTENTO, ALLE PIAGHE "BEN VISIBILI" NEL CAMMINO DI TUTTA LA SOCIETA' CHE MOLTI IGNORANO E AGGRAVANO...
    IL MIO ELOGIO E IL MIO MICHELE

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 17/11/2012 20:00
    la violenza nn è mai positiva apprezzata
  • Anonimo il 17/11/2012 13:55
    Vorrei potermi inginocchiare in tutte le piazze in cui eroici e pacifici combattenti vanno a celebrare le loro lotte in difesa dei diritti di tutti i calpestati della terra, pur sapendo che ci sarà chi, assetato d'ingiusti e vergognosi poteri, su di loro eserciterà ogni più vergognosa violenza.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0