accedi   |   crea nuovo account

Cervello arpa

Il mondo può svegliarsi
senza comprendere
uno o molti perché
ma il mistero di un sogno
condiviso
deve essere spiegato
da note che piacciono troppo

conoscenze incomplete
dove solo i picchi vestiti di nero
alimentano passioni
e incontenibili eccessi.

Un cervello innamorato
è come un'arpa posta su una pietra
ben levigata.
Troppo grande per essere tutto
conserva del suono estremamente
piccolo il maestoso
spessore.

 

3
5 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 22/11/2012 08:30
    Un serto di lauro ben meritato per questa tua eccezionale davvero!
  • Rocco Michele LETTINI il 17/11/2012 19:30
    È LA TUA CREATIVITA' ARTISTICA... IL MIO ELOGIO ROBERTO...
  • Anonimo il 17/11/2012 16:34
    Una riflessione interiore profonda che tenta di spiegare all'autore del perchè "il cervello" suoni come un'arpa, in certe situazioni particolari, dalle quali viene stimolato. La chiusa è davvero emblematica ed introspettiva.

5 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 18/11/2012 13:37
    Bellissimi versi Roberto, bravissimo!
  • Grazia Denaro il 17/11/2012 20:04
    Una notevole introspezione un po' ermetica scritta in versi scorrevoli, attraenti alla lettura, apprezzata!
  • loretta margherita citarei il 17/11/2012 19:57
    mi complimento l'ultima parte... favolosa
  • senzamaninbicicletta il 17/11/2012 18:24
    immagini veramente originali e un ermetismo delicato accompagnano la lettura della poesia dal significante metaforico molto complesso.
  • Alessandro il 17/11/2012 14:27
    Metafora finale estremamente complessa, il suono piccolo ma maestoso di una mente innamorata.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0