PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

U friddu

Malidittu stu friddu disgraziatu
m'intra 'nte carni
e spinci
spinci...
spinci forti e
m'ntrasi intra finu all'ossa...
'Nta sta strada
china i ghiacciu
nun cedi mancu
nu postu pe' durmiri...
Povuru mia
comu haìa fari
du menzi coperti e quattro cartuni
mi pozzu curcari
'Nta st'angulu scuru
chiù scuru du me cori...
A fami mi pigghia
ma a pozzu suppurtari...
ma stu friddu...
Stu friddu bastardu
mi fa 'mpacciri
comu fazzu...
- Ora chiuru l'occhi e
mi lassu annari -



TRADUZIONE.

Il freddo.

Maledetto questo freddo disgraziato
m'entra dentro le carni
e spinge
spinge...
spinge forte e
m'entra dentro in fondo all'ossa...
In questa strada
piena di ghiaccio
non c'è nemmeno
un posto per dormire
povero me
come devo fare
due mezze coperte e quattro cartoni
mi posso coricare...
In quest'angolo buio
più buio del mio cuore...
la fame mi prende
ma la posso sopportare
Ma questo freddo...
questo freddo bastardo
mi fa impazzire
come faccio...
- Adesso chiudo gli occhi e...
mi lascio andare -

 

l'autore Giuseppe Bellanca ha riportato queste note sull'opera

È inammissibile che nel nostro secolo ci siano morti in strada per freddo, in questi giorni che verranno di freddo con tutti i disagi che ne conseguono un pensiero ed un aiuto ai senza tetto è poveri


2
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 18/11/2012 15:28
    QUANTI BRIVIDI IN COTANTO PROFONDO VERSEGGIO... IL MIO ELOGIO GIUSEPPE...

4 commenti:

  • Domiziana Gigliotti il 06/12/2012 20:54
    Versi dove l'autore esprimi la sua profonda sensibilità su un problema così toccante e presente nel nostro territorio e... Concordo pienamente anche con la nota dell'autore. (Ti confesso che mi ha fatto un certo effetto leggere il dialetto ed ho fatto fatica a capirlo subito pur essendo, più o meno, capace di parlarlo). Ciao
    Ciao
  • salvo ragonesi il 27/11/2012 18:31
    Ora chiuru l'occhi e mi lassu annari. Sempòicemente bella ciao salvo
  • loretta margherita citarei il 18/11/2012 20:04
    grande sensibilità la tua, bravo peppì
  • Grazia Denaro il 18/11/2012 14:39
    Bedda poisia chi rimi o postu, apprizzata pi' cuntinutu e forma, mi piaciu, bravu!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0