PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Con le mani e i piedi

Sono ancora inchiodato a questo asse
con le mani e i piedi bucati.
Dal costato esce abbondante il sangue a fiotti.
Chi mi ha voluto rendere così?
Il sapore crudo dell'aceto sulle mie labbra.
La penitenza, la derisione, le frustate sulla carne viva.
Il tradimento delle persone più fidate
Il disprezzo e l'oltraggio degli sconosciuti.
Mi riesce difficile il respiro.
Solo i due ladri che sono con me sanno.
Padre, non soffro per la corona di spine!

 

0
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 16/12/2012 13:21
    Un plauso sincero e dovuto per questa tua sublime.

3 commenti:

  • augusta il 20/11/2012 10:01
    molto bella... qui c'è tutta la storia... in poche parole... e la chiusa...è superba... altera... 1 beso...
  • Alessandro il 18/11/2012 20:46
    L'unica comprensione dell'umana sofferenza di un agnello divino viene dai ladri. Piaciuta
  • loretta margherita citarei il 18/11/2012 19:43
    apprezzata , anche se il nocciolo della fede è la resurrezione

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0