PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Mia cara triste sorella

Cammini piano

con gli occhi incollati alla strada come se così riuscissi a non farla
muovere

e dunque tu, camminare sicura

Fissi un linea bianca ... in netto contrasto con essa
Così candida perchè vista solo da te

Essa non è sempre lì .. lì come la strada, si sposta dentro gli schemi della
tua mente

Un giorno ti porta in un posto ben preciso ed un giorno altrove
Un giorno ti porta in un posto ben preciso ed un giorno altrove ma sempre
nello stesso schema

I " non bacati" se ipotizzano una linea essa è diritta

tu no

Tu sai che troverarai sempre un angolo prima o poi, ma ti basta, per arrivare, la certezza
che essa ti seguirà

Ogni giorno la stessa linea ... la stessa strada ... lo stesso posto ma per
te non è così
Ogni giorno, per te, la stessa linea la stessa strada lo stesso posto
saranno diversi

Perchè vedi con gli occhi di un bambino

Perchè sai che non è così scontato camminare sicuri in una strada

Diritti nella linea senza cadere

Ma sopra ogni cosa non dai mai per certo che se oggi riuscirai a raggiungere quel
posto...

domani sarà lo stesso.

 

3
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • denny red. il 19/11/2012 02:21
    Che dire.. Una poesia che.. Che ti lascia lì..
    Sopra ogni cosa..
    Bella!! Stefy. Brava!

  • Alessandro il 18/11/2012 20:45
    Cammino stentato verso un luogo irraggiungibile, né oggi né domani. Molto sentita
  • loretta margherita citarei il 18/11/2012 19:40
    apprezzata complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0