PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ferma il vento

Le forze cedono, rivoli di sudore bagnano il mio viso,
bruciano come lacrime che non riesco più a piangere.
Tienimi la mano padre mio, perchè sento che continui,
sento il tuo calore, il profumo dei tuoi baci, la forza di un tuo abbraccio.
Da quando sei andato lassù senza lasciarmi un numero, un indirizzo,
ti cerco nel mare, nelle foglie verdi come i tuoi occhi buoni.
Il vento a volte soffia forte e fa paura, fermalo se puoi.
Credo tu sorrida quando ti affacci nella mia vita di piccolo uomo.
Pago i miei debiti, le bollette ed ho un angelo al mio fianco.
Lo sai ho sempre avuto fortuna con le donne, ma questa non la perdo.
È pazzesco comporre il tuo numero e sapere che è vano, non rispondi.
Sognarti ed essere arrabbiato perchè sei andato via senza un lamento.
Sino all'ultimo un signore padre vita ed orgoglio, ferma il vento quando puoi,
navigo con vele indebolite e stanche, sorreggimi perché cado spesso.
Oggi ho gambe fragili ferma il vento quando puoi...
Tuo figlio luigi

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0