accedi   |   crea nuovo account

Ombre vane

Proietta la mente ombre dall'aspetto
vano sui muri del labirinto dei ricordi
che si rincorrono tra loro, vano poi
della mano l'incapace atto di fermarle:
chieder loro chi siano quale tra noi
la conoscenza un tempo forse amor
odio quale il legame i nostri sentimenti?
Meglio tacer non domandare quale
che fosse non risvegliar dalle voci loro
le sembianze di chi la mente si vuole liberare.

 

3
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 27/11/2012 09:53
    Contenuto sublime. Complimenti!

4 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 20/12/2012 19:47
    Descrivi bene momenti in cui la mente vaga in labirinti di ricordi...
  • Don Pompeo Mongiello il 03/12/2012 14:08
    Cerca di pubblicare di più, la stoffa ce l'hai ed io potrei recensirti e con vero piacere bravo come sei.
  • loretta margherita citarei il 21/11/2012 06:12
    sempre bravo, molto profonda
  • Alessandro il 20/11/2012 23:49
    Una mente che cerca di liberarsi dalle proprie ombre, ristagnanti in angoli bui. Originale

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0