accedi   |   crea nuovo account

Metamorfosi

S'anima la notte in tempesta,
spettacolo che scaccia il sonno:
la pioggia, cadendo, ridesta
del buio l'istinto ancestrale
dal pavido giorno represso.

Contemplo in silenzio sacrale
la danza selvaggia dei faggi,
tra il vento e le frasche l'amplesso;
per chi vi ha assistito, finisce
il tempo dei tiepidi assaggi.

S'innalza un concerto che unisce,
che il ritmo incorrotto incorona.
Le gocce percuotono i vetri;
rimbombano come tamburi.
Non è più la mente padrona.

 

5
8 commenti     7 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

7 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 05/03/2014 02:23
    apprezzata. complimenti.
  • Anonimo il 04/12/2012 13:19
    Tre cinquine di novenari con uno schema metrico particolare che favorisce richiami tra le strofe. Anafore, allitterazioni ("la danza selvaggia dei faggi", "che il ritmo incorrotto incorona", "rimbombano come tamburi". Nel crescendo del concerto, via via la mente si lascia travolgere dalla forza della natura.
    Insomma, un Poeta abile e sapiente che ci regala suggestioni indimenticabili.
  • Nicola Lo Conte il 23/11/2012 14:16
    Splendida immagine della pioggia e del vento... che annullano e minimizzano le nostre presunzioni...
  • Don Pompeo Mongiello il 22/11/2012 08:21
    Cinquine che si concatenano con armoniosa musicalità e bravura.
  • Anonimo il 21/11/2012 13:09
    Magnifica la poesia tutta, che sprigiona un elevato sentire umano dell'autore, coinvolto nella METAMORFOSI di ciò che lo circonda. Sinceri complimenti e, buon proseguimento di giornata.
  • senzamaninbicicletta il 21/11/2012 12:54
    metamorfosi da uno stadio all'altro. L'immedesimazione con la natura in azione è la giusta metafora per un poeta romantico. Anche un po' surrealista. bravo molto bella
  • Anonimo il 21/11/2012 12:12
    davvero superba... mi ha ricordato un gradevole "respiro di primavera"!

8 commenti:

  • Anonimo il 04/12/2012 14:48
    Ops... mi è scappata una faccina (ma da dove è uscita?).
  • Anonimo il 23/11/2012 20:20
    una meravigliosa descrizione di ciò che ci circonda... di una natura che generosamente ci rende partecipi dei suoi cambiamenti molto bella... lirica intensa e piena di contenuti... bravo
  • laura il 23/11/2012 09:52
    la natura sa regalare spettacoli straordinari! dentro di noi assaporiamo tutto ciò che ci fa vedere e abbiamo continue Metamorfosi! molto apprezzata ciao
  • Anonimo il 22/11/2012 07:10
    Una coinvolgente atmosfera che ci fa riscoprire parte di quella stessa natura che osserviamo. Poesia molto bella!
  • giuseppe il 22/11/2012 04:48
    la natura: armoniosa regolatrice del caos biologico, dona l'essenza profonda dei mutamenti umani. La gioia: risveglia primavera, il rifiorir dei fiori, malinconia l'inverno, alle gocce burrascose del temporale, fra natura morta.
    La metamorfosi della tua poesia rispecchio questi aluto stadi, bravo bei versi,
  • loretta margherita citarei il 21/11/2012 20:08
    una bellissima poesia complimenti
  • Anonimo il 21/11/2012 15:57
    Complimenti per questa tua veramente molto bella, l'ho letta più volte.

    Bravissimo!
  • augusta il 21/11/2012 13:54
    mi unisco ai commenti qui sotto...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0