username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il re è nudo

Che delizia l'occhio umano
che s'innalza sopra il resto,
tant'è fiero quanto è vano:
oltre il cielo è buio pesto.

Nudo sembra, quando indossa
cieca cappa di furore;
di brandelli altrui s'arrossa
e non vuole altro colore.

Si sconquassi questa Terra,
crolli il monte, geli l'aria,
l'acqua e il fuoco portin guerra
alla sindrome elitaria!

Che la Storia porti al niente,
a uno spacco nella pietra,
a una fossa fonda e tetra
di cui il buio sia servente.

 

4
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 27/10/2013 15:37
    È un'ottima espressione della tua vena poetica in cui scorre sangue blu.
  • Don Pompeo Mongiello il 28/11/2012 12:36
    Senza nessun sforzo, il poeta mette in rima meravigliose parole e fan della poesia una vera arte.

4 commenti:

  • Anonimo il 08/12/2012 16:11
    Buona serata, carissimo e gentile collega di poesia. Grazie per l'apprezzamento alle mie liriche. Stupenda la lirica, emozionante come tutte le tue.
  • mauri huis il 06/12/2012 05:40
    OH, rarissime quartine di ottonari per dei concetti quanto mai profondi e seri! Scelta giusta, perchè danno insieme levità e ritmo. Stai facendo sul serio, vedo. Bravo!
  • rescaldani franco il 28/11/2012 02:59
    splendida la poesia e il "pensiero" i miei complimenti!
  • Anonimo il 27/11/2012 17:12
    Deliziose e scorrevoli quartine per una seria e profonda riflessione. Poesia molto bella Alessandro!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0