accedi   |   crea nuovo account

Un semplice canto

Meco venutame all'alma mia
overo addentro voce d'un canto semplice
et soave, come se d'acqua limpia
e ben corrente e fresca
portavami ben presto ad un sentiero
che nello ceduo bosco
da me ben conosciuto
s'andava ad uno prato fiorito et ripido
tra muschi e lecci e vischi antichi.
In questo sito che certo da una fiaba
parea creato provai a pizzicarmi il viso
le gote rosse et incantate parean
svegliarmi da sto incanto
e lo cammino che andavo già facendo
mi porterà sicuro alla realitate.
Come potei sentir lo core mio
fermarse quando m' apparve che nulla de diverso
avea davanti
anzi vidi persin lo gocciolio
dell'umido imbrumare che scorrea su foglie
caduche si verdi et lustre
come soltanto in sogno
tu poi vedere.
Li occhi mia s'andavano posando su meraviglie
proprie de magie,
quel posto così estatico davami l'occasione di pensare
alla Bellezza si rara e vera allo divenir reale.
Or ogne cosa avea subito un tremito
ma eran le gambe mie che cedean vinte
allo stupore.
Dei! Ancora una volta m'avean preso et
catturato, un ago forse o un fungo delicato,
m'avean così portato in lo Mondo etereo delle Muse
e ben sapevo il destin che m'attendea,
risolto a desistere allo invito
mi preparai al vil diniego.
Di li a poco infatti apparve un giovine puttino
che presami la mano trascinommi sicuro a uno
sedil fatto di pietra col luccichio de mica entro
la stessa, e su di essa posata vera una madonna de questo insogno,
Deh! Occhi mia levatevi da sto sonno
pregai dentro de me in disperazione,
ma come il putto volò via
non seppi far altro che sederle accanto.
Ella presami lo capo mio tra le sue mani
incatenommi a quel desio ch'essa volea
e fummo uno dell'altro
imprigionati.

 

3
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 28/11/2012 06:16
    QUANTO SOFFERTO... SCORRE NEL TUO OPPRESSO CAMMINO... MINUZIOSAMENTE FORGIATO IN SI' SINCERO VERSEGGIO...
    IL MIO ELOGIO FRANCO... CIAO

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 28/11/2012 20:12
    sa del dantesco paolo e francesca, molto bella bravo
  • Alessandro il 28/11/2012 11:21
    Linguaggio da sogno che tratta un canto semplice scaturito dal nostro profondo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0