accedi   |   crea nuovo account

'' Un giorno come gli altri...''

Rinasce un giorno come gli altri
Il sole e' splendente ed olezza la terra fragrante,
a distanza di circa cinquanta passi ne senti l'odore e
del mare come un battito del cuore.
Un giorno come gli altri...
Rinasce cosi' il bel quadro del monte dell'est ;
con i suoi pini, i castelli medievali, con i suoi ruderi e le cicatrici del tempo,
con le cave abbandonate e le sue ferite che l'uomo ha creato.
Rinasce cosi' un bel quadro, diviso, incorniciato e dalle grate incoronato.
Un giorno come gli altri...
Rinasce cosi', chiassoso, con i malumori e mal'odori, con i sorrisi strappati, freddi, finti, sconsolati ; con l'aroma del caffe' e l'inizio di una lettera : '' Ciao come stai...''
Con il rumore dell'acqua quando arriva alle ore sette, con il frastuono delle chiavi alle ore otto ed il primo dei blindati viene aperto...
Con il buongiorno all'unisono, con l'apertura del cancello alle ore nove e via... verso ''L'ARIA ''...
Un giorno come gli altri..
Tutti disposti avanti e indietro... il sole riflette e cala a quadretti il dieci di settembre ;
due ore di liberta' oppressa, quattro per le altre due.. dalle ore tredici alle quindici...
C'e' chi sceglie in tv la vita in diretta, c'e' chi sceglie Geo e Geo, chi un cartone animato, c'e' chi mette a ''Un posto al sole '' , c'e' chi sceglie cosa vuole... Poi la cena, delle chiavi il rumore...
Un giorno come gli altri...
C'e' chi fuma, c'e' chi dorme, c'e' chi prega, chi scrive, chi passeggia, chi dipinge e c'e' chi muore ; e' un giorno come gli altri, una notte come le altre e come gli altri un giorno rinasce : Il sole splendente, olezza la terra fragrante, l'odore del caffe' , l'odore del mare, il quadro dell'est, la puzza dei sigari toscani e il primo rumore delle chiavi dell'UNDICI SETTEMBRE...
Un giorno come gli altri? NO!!! In questo giorno non si sceglie, si ascolta, si guarda... in tv i canali sono tutti uguali : '' si vede il fuoco, il cielo, le folle, le corse, i pianti, la disperazione, la polvere, le colonne di fumo e la gente giu' volare, li' nessuno sta a guardare... e sono in cinque mila circa, erano anziani, giovani, bambini... erano disabili, celibi, coniugati... erano spagnoli, portoghesi, italiani, inglesi, australiani, francesi... pompieri, africani e americani... erano esseri umani!!! '' C'erano tutti, ogn'uno al propio posto... come in un giorno come gli altri e sono morti.
C ' e' chi ha creduto che Iddio sia Hallah o Budda o Trinita' , c'e' chi e' induista, ebraista o talebano, ma... chi e' l'essere umano???
È quello che grida Hallah prima della morte che poi crede che rinasce? È il cristiano, il buddista o e' il musulmano... ma cos'e' l'essere umano?
Un giorno come gli altri...? NO!!! SoNO GLI ALTRI COME UN GIORNO NON SARA' MAI!!!

Erice 11 settembre 2001 Gianfranco Gianni

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0