PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Inno alla vita

Ho sigillato aspri dolori
come si serra un forziere
e i suoi ori.

Leggère,
divenute le mie pene
dopo tanto camminar -
tra terre prive
di beltà.

E vado già nel tempo,
fiorendo vergine fragranza
di nobiltà.

Pura,
libero delicati echi
d'inno alla vita.

 

2
5 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 07/01/2014 04:59
    Molto apprezzata, complimenti.
  • Antonio Gariboli il 29/11/2012 21:00
    Liberarsi delle pene e ridare leggerezza alla propria anima rifiorendo in una nuova luce. Essere di nuovo pura inneggiando delicatamente ad una muova vita.
    Bellissima tutta! Bravissima Cla
  • Rocco Michele LETTINI il 28/11/2012 21:43
    UNA MIRABILE CHIUSA A CORONA D'UN VERSEGGIO ESEMPLARE...

5 commenti:

  • augusta il 29/11/2012 08:14
    brava i miei complimenti
  • Anonimo il 29/11/2012 07:36
    molto intensa e bella... molto sentita ed apprezzata...
  • loretta margherita citarei il 29/11/2012 05:13
    bella apprezzatissima
  • Alessandro il 28/11/2012 22:19
    Un inno alla purezza di uno spirito che non si è incattivito dopo innumerevoli pene. Piaciuta
  • cla il 28/11/2012 21:57
    Grazie!!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0