username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ricordo

Di schiena come la codarda sorte,
a volte, anche il sorriso ci sorprende;
il solo che, nelle albe più contorte,
al cuor dà sempre tanto e nulla spende.

M'aggiro per le stanze, ora deserte;
locali ammutoliti, vuoti e vani.
Maltempo da vetrate semiaperte,
eppure gli occhi vegliano, lontani.

Rubando istanti al tempo, ch'è nemico,
nel turbine di un battito di ciglia,
bagliori ambrati d'un riflesso antico,
sapori di remota meraviglia.

Scordandomi di un giorno freddo e ansioso
e di queste mie mani, un po' impacciate,
m'appoggio al vecchio piano polveroso,
sonando di memorie riabbracciate.

 

8
9 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giulia il 16/12/2012 14:49
    ''il solo che, nelle albe più contorte,
    al cuor dà sempre tanto, e nulla spende''...
    Bella poesia, descrizione personale quanto veritiera del ricordo che in tutte le sue sfumature, ci cammina sempre dietro... complimenti
  • Emiliana De Fortis il 10/12/2012 23:37
    È vero a volte, come il destino vigliacco che si esprime nella malasorte che colpisce alle spalle, anche un sorriso può sorprenderci con la stessa forza. Se non fosse che un sorriso, anche nei momenti più brutti riempie il cuore e da' senza chiedere niente in cambio. E poi arriva il momento dell'attesa. Si dovrebbe andare, perchè in questo mondo abbiamo sempre un sacco di cose da fare, ma a volte restiamo immobili a ricordare un qualcosa che ha risvegliato la nostra meraviglia. Dimentichi della solitudine, rimettendo in movimento le mani anchilosite dal tempo, i ricordi si ricollegano alle note del pianoforte.
    Metrica semplice ma molto efficace. Ritmo perfetto.
  • Don Pompeo Mongiello il 01/12/2012 16:10
    Quartine che si concatenano in un ritmo armonio e musicale meraviglioso.

9 commenti:

  • Anonimo il 11/12/2013 07:54
    Non sono pochi i dolori della vita... C'è chi ad essi aggiunge quello del continuo lamento, chi trova in sé stesso, nonostante tutto, melodie che lontano portano da ogni affanno esistenziale.
  • Anonimo il 10/12/2012 07:03
    Ode al RICORDO, essenzialmente con la sfumatura della meraviglia e del sorriso. Certi attimi che come dici bene tu "riabbracciamo" sono così intensi...
  • - Giama - il 01/12/2012 08:30
    Ottima per la stesura e per il senso che dona...
    Complimenti!
  • Gianni Spadavecchia il 01/12/2012 06:21
    Chiusa bella! "sonando di memorie riabbracciate."
    I miei complimenti Alessandro..
  • Anonimo il 30/11/2012 19:55
    Mi piace la descrizione che fai del ricordo. Bellissima poesia!
  • pasquale radatti il 30/11/2012 16:40
    A volte ceti ricordi fanno venire in mente amori che ancora sussultano nel cuore. Apprezzata poesia.
  • anna rita pincopallo il 30/11/2012 14:17
    semplicemente splendida bravissimo
  • Anonimo il 30/11/2012 12:57
    È sufficiente un oggetto, una situazione, per far riaffiorare alla mente luoghi e situazioni vissuti. Complimenti Alessandro!
  • alessandra moschella il 30/11/2012 12:37
    Questi tuoi versi mi hanno riportato alla mente un casolare di campagna presso la riva di un fiume svizzero in cui sono stata da bambina... Bellissimi ricordi e bellissima poesia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0