PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Rovesci

Correndo, ridiamo
nell'eco dei giochi, torniamo
nel bosco in cui fosti fanciulla.
Di morbide frasche la culla
dei nostri primordi,
dei nostri sospiri.
Ricordi?

È scesa la nebbia,
fumosa cortina d'inganni.
Non farti impaurire
dal tempo dei dubbi,
dagli umidi affanni
che fanno fuggire;
ritorna!

La pioggia, tra i pini lontani,
la tiepida terra rimesta,
un'aria di festa
rivive nei giorni più strani;
son queste del cielo
le ignare conquiste.
Rimani.

Un canto di salubri gocce,
di candida speme,
punteggia la timida flora,
precipita quando sei triste;
il volto piangente,
il cuore fremente
ristora.

 

l'autore Alessandro ha riportato queste note sull'opera

Fortemente ispirata, soprattutto nell'ambito ritmico, a "La pioggia nel pineto" di dannunziana memoria.


5
5 commenti     7 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

7 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Salvatore Masullo il 30/11/2013 13:33
    Versi che mi riportano alle giovanili letture. Parole che inebriano il cuore nella loro purezza espositiva. Riesci sempre a far sentire il cuore, la mente e l'anima, un tutt'uno con la natura così sapientemente descritta nelle tue poesie, in ogni suo palpito di vita. Bravo veramente!
  • Anonimo il 01/12/2012 18:06
    Un turbinio di emozioni che la pioggia porta con sé, appunto come fossero "rovesci".
    Una poesia che nulla ha da invidiare alla più famosa "pioggia nel pineto" e che trovo molto emotivamente partecipata, da parte del lettore.
    Bravissimo Alessandro!
  • Don Pompeo Mongiello il 01/12/2012 15:56
    Stile unico ed inconfondibile, che arricchisce di non poco questo sito. Complimenti!
  • Anonimo il 01/12/2012 15:17
    Magnifici RICORDI riaffiorano alla mente dell'autore, apportando nostalgia e ripensamenti per quel tempo trascorso allegramente. Magnifica lirica, tanto piaciuta. Grazie per i commenti, sempre precisi e profondi, che lasci alle mie poesie. Buon week-end, collega di poesia.
  • Anonimo il 01/12/2012 14:40
    si sente l'ispirazione dannunziana e devo dire che non stono per niente, anzii, ottima prova!
  • Rocco Michele LETTINI il 01/12/2012 14:31
    NON SOLO UN VERSEGGIO FORTEMENTE ISPIRATO ALESSANDRO...
    EVINCO DAI TUOI VERSI PADRONANZA METRICALE E LIBERE INTERPRETAZIONI ALTAMENTE RIFLESSIVE... IL MIO ELOGIO E IL MIO
  • Anonimo il 01/12/2012 11:35
    Alessandro, qui stai tra Pascoli (prima strofa) e D'Annunzio (terza e quarta)! Bellissima la chiusa di ogni strofa in una sola parola, tutte in allitterazione consonantica, che disegnano un climax prima ascendente e poi dolcemente discendente: Ricordi? [...] Ritorna![...] Rimani [...]Ristora. (di nuovo Pascoli!).
    Bravissimo!

5 commenti:

  • stelsamo il 03/12/2012 16:32
    Davvero molto bello questo componimento! Nel leggerlo si sentono quasi gli scrosci della pioggia! Molto bravo come sempre, complimenti!
  • stella luce il 02/12/2012 08:59
    stupenda e bravissimo...
  • Anonimo il 01/12/2012 17:37
    Non ho parole per dire quanto sia stupenda questa poesia. Scritta magnificamente. Bravo Alessando, i miei complimenti!
  • Don Pompeo Mongiello il 01/12/2012 15:58
    ... mi sono accorto della tua nota, non ho mai letto Dannunzio. Rimane comunque una bellissima poesia.
  • augusta il 01/12/2012 12:14
    bravissimo.. i miei complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0