PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Impronte

Sommesso il sentore
di voci solinghe,
un soffio che traccia
del mondo il sapore.

Cangiante il colore,
nei tempi di caccia,
d'impronte raminghe
che fuggon lontano.

E mai fu più vano
sulla pelle nuda
il tocco del giorno,
un bacio di Giuda.

Nel lato più oscuro
a tempo e perdono,
la mente, ora, vive
sicuro abbandono.

In questo deserto
a sete soggiace,
temendo il ritorno
del Sole mendace.

Dov'è il Paradiso?
È sotto la sabbia?
È l'ultimo affondo
fra l'odio e la rabbia?

 

3
5 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 06/12/2012 08:47
    ottimo stile questa tua! Apprezzatissima...
  • Don Pompeo Mongiello il 05/12/2012 11:58
    Solite quartine incantevoli nella loro musicalità e contenuto.
  • Rocco Michele LETTINI il 04/12/2012 17:45
    Interrogativi di chiusa che portano alla meditazione per quanto lasciato in quartine pregne di saggezza e metricalmente perfette...
    IL MIO ELOGIO ALESSADRO... DAVVERO UN SUBLIM VERSEGGIO...

5 commenti:

  • silvia leuzzi il 07/12/2012 07:57
    Solo sporadiche impronte rimarranno del nostro tragitto. Impronte che il vento e il mare cancelleranno. Questa tua lirica con queste quartine asciutte e penetranti, come lame sottili nella nostra coscienza.
    Entriamo in sintonia in quei tuoi versi:
    - In questo deserto
    a sete soggiace,- con il concetto di sete che è poi il motore di questo nostro scriverci sulla pelle
    Ale la chiusa però è speciale e credo che me la stamperò in modo da imprimermela dentro... bellissima poesia e mi scuso per il ritardo ma ho problemi co sto sito e lo riesco a vedere solo qualche ora la mattina ma io vivo di notte per queste cose sigh!
  • Anonimo il 04/12/2012 19:02
    IMPRONTE lasciate con indelebili segni nell'anima dell'autore che si pone interrogativi esistenziali davvero ammirevoli.
  • Anonimo il 04/12/2012 17:45
    Il paradiso bisogna saperselo conquistare; un po' come la libertà, col coraggio di essere se stessi.
    Molto bella Alessandro!
  • loretta margherita citarei il 04/12/2012 16:07
    bellissima molto musicale
  • rescaldani franco il 04/12/2012 15:12
    penetrante poetica sulle nostre perplessità di uomini e d'emozioni
    quasi struggente la ricerca di una ragione che l'anima nostra non vuol dare senza pagar di sofferenza. Molto bella e da "pensare".

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0