accedi   |   crea nuovo account

In me

sarà la pesante aria che respiro
sarà il sussurro del mio cuore
sarà l'animo solitario che urla
necessariamente il tuo nome...

sei come l'ingannevole tempo
un dì hai fatto risplendere
il sole in me...
il giorno dopo una gelida tempesta
d'inverno si eclissata in me...

cristallizzando il cuor dentro
una botte che dimensione
non ha...

e con un solo bacio come il vento
che aleggia tra le pieghevoli foglie
d'autunno tu sei volato
via senza un ma né un perché...

uno incontro, scontro di sguardi che
tergiversano nel vacillo della
indifferenza...

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Raffaele Arena il 13/09/2011 15:35
    Sai francesca, se il tuo profilo fotografico sei tu, oltre che esser bella dentro, sei bella anche nel sentimento e nell'esteriorita'. E queste qualita' in una societa' dove la bellezza e' continuamente offesa, ti devi metter in guardia con una spada laser da questi amori che ti consumano. Come il capitano di Guerre Stellari, e tagliar la testa a chi ti fa male.
  • Anonimo il 17/06/2008 01:05
    ho letto alcune tue poesie, questa ti da tormento, ma è un leggero impossibile, perchè l'indiferenza è studio. piaciuta salva.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0