PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Io, loro e te

Io li seguo
solo con gli occhi e poco movimento
tocca a loro costruire la mia idea
sollievo di una giornata un po' in apnea.
Ma non è facile
per chi non ha un sogno che li aspetta
musica stonata da cuffietta,
il futuro precario e preparato
da un signore lontano e scellerato
un avvenire di sicuro auspicio
senza fatica, neanche un sacrificio
preso, portato, nella strada accompagnato
difeso, protetto, se occorre anche scortato.
Poca magia, neanche un po' d'ingegno
solo un'ora, poco più, mediocre impegno.
Solo alla fine entrerò dentro la testa
niente per me, loro sarà la festa.

Tornando a casa trovo l'agonismo vero
tu che capisci ogni pensiero,
il tuo cuore salta in alto, spero senza inciampo
altrimenti, povero me, non avrò scampo.

 

4
6 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 14/03/2013 22:45
    La vita di fuori, la passione di sempre che si infrange su un terreno sociale difficile, pietroso direi, fatto di disinteresse, di disoccupazione, di valori vuoti. A quelli il poeta oppone i sentimenti profondi, quelli che a volte, per i più fortunati, sono dietro la porta di casa, simbolo di un'intimità calda ed accogliente. Bella
  • Don Pompeo Mongiello il 10/12/2012 10:46
    Apprezzatissima questa tua meraviglia!
  • Raffaele Arena il 09/12/2012 14:22
    Mi piace il senso che mi par di aver compreso appieno, nel finale, quando parli del ritorno a casa, dove sei accolto da persone che ti conoscono e ti voglio bene, come ritrovarsi intorno al classico focolare. Buona domenica.
  • Gianni Spadavecchia il 09/12/2012 13:37
    Bella chiusa, ritmo veloce e vivace della poesia.

6 commenti:

  • Alessandro il 09/12/2012 13:49
    Un futuro precario per giovani nati senza eredità o speranza. Un altruismo disperato coniugato in sapienti versi.
  • Anonimo il 09/12/2012 08:20
    Osservare i nostri ragazzi e sapere nel proprio cuore quanto sia difficile oggi più che mai il loro futuro. Bella sferzata a chi "scortato" invece coglie oro senza "fatica". La tua apnea finisce a casa, dove c'è chi sa capirti ed accarezzare la tua anima. Ciao Antonio. Bella bella!
  • Anonimo il 09/12/2012 07:13
    hai ragione non è affatto facile, ci si prova con il cuore... non sempre si riesce... bella antonio... letta con estremo piacere...
  • loretta margherita citarei il 09/12/2012 03:48
    poveri i nostri ragazzi ai quali irresponsabili politicanti hanno tolto sogni e speranze, piacutissima
  • denny red. il 08/12/2012 23:28
    Io li seguo..
    non è facile..
    .. povero me non avrò
    scampo.
    Piaciuta! ben Scritta.
  • stella luce il 08/12/2012 22:33
    il tuo altruismo qui esce tutto, prima loro che hanno un futuro molto dubbio... e poi arrivi tu, sperando che quel futuro resti con te... bei versi

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0