PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Conseguenza

Nessun risentimento,
nel mortale ma vitale lamento
che strappa una vita,
cucendola su un'altra,
violenza come ago
di sangue la sua trama.

Oziando ingordo;
il tuo peso al mondo :
misura quanto vali?
o schiaccia solo i tuoi pari?
ti mancasse un giorno,
la saliva in bocca
dal non poter gridare aiuto!

Come le vittime del tuo viver quotidiano,
differenze tra bestie e bestie nessuna,
non ne distingui l'animale,
come se non fossi stato altro,
dentro un guscio d'inconsapevolezza,
che ti mostra un uomo fatto di morale.

Della stessa vita che ti chiede il respiro,
son fatte le anime languide da smembrare!
Bramosità della tua gola peccaminosa,
scavano la tua coscienza mortale,
a seppellirvi tutte le colpe senza perdono.

Gli occhi caldi,
che cercano la tua misericordia,
distillano i loro momenti dai tuoi,
fino a chiudersi per sempre...

e tu

Quasi immagini,
di scorgere un sorriso,
da quelle spente membra,
mentre il freddore porta via,
ogni ricordo di quell'eterna sofferenza.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Alessandro il 12/12/2012 21:31
    Ogni azione ha la sua conseguenza. Dimostriamo il nostro valore attraverso le scelte. Piaciuta