PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'ambiguità di un pensiero (scomodo?)

Serene urta e vitale riluttanza
di nubi contemplate tra discrezione
e presunzione, innocente latitanza
di un pensiero che fu azione;

amata urgenza, odiata urgenza,
ti nutri di sospensione... riecheggi,
privo di alcun pudore, quell'assenza
che disarmi, boicotti e proteggi

come la notte in cui la invitasti
e senza curarti, te ne vantasti;

mai fui così confuso tra l'affranto
dell'immaginarla e la speranza
che fosse l'ultimo pianto
per un verdetto privo d'istanza;

pensiero prestato dalla nostalgia,
usurato e usurpato da un'idea
un po' artefatta, un po' elegia
di come l'ambiguo diventi epopea

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0