accedi   |   crea nuovo account

A Dio, luce del mondo

L'empietà di questi tempi
il mondo ha posto nell'oscurità
e gli sconvolgimenti naturali
di oscuri mali sono segnali.
Ragione e scienza
oramai non bastan più
o Dio padre buono,
aiutaci tu
e un po' della tua luce
effondi qua giù.
Da che l'uomo, nello spazio
è persino andato,
di poter far a men di te
ha ahimè pensato
e adesso, che solo,
non sa più dove andare,
non riesce più
l'anima sua a quietare.
Perdona or dunque
la nostra superbia,
la nostra presunzione
e la nostra arroganza,
illuminaci la via
ed infondi in noi
pel futur
nuova speranza!

 

5
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 03/01/2013 18:27
    Che nostra madre Gaia, non sia divorata, come lo è ora. Bellissima preghiera, degna di rispetto. Ritmata, meriterebbe interlinee per miglior riflessione. E insieme a Dio, ci sono uomini e donne in resistenza continua al dolore.
  • Rocco Michele LETTINI il 14/12/2012 18:31
    Non resta un bel niente al di fuori di Dio... l'hai gridato con la voce del cuore in un messaggio di sincerità... IL MIO ELOGIO STEL...

3 commenti:

  • Anonimo il 07/01/2013 07:33
    spero tanto che ascolti questa splendida e sentita preghiera... bella veramente...
  • Ugo Mastrogiovanni il 14/12/2012 15:07
    Fino a quando mancheremo di misericordia verso il prossimo, fino a quando lo misureremo secondo le apparenze, la categorie, le apparenze e non co la fratellanza, pregheremo inutilmente Iddio.
  • Anonimo il 14/12/2012 10:54
    Una preghiera condivisissima, gridata dal cuore.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0