accedi   |   crea nuovo account

Tenerezza mostri

Tenerezza mostri quando voglio averti mia,
abbracciarti, baciarti e accarezzarti;
e poi amarti giorno per giorno...
E assaporare le tue labbra,
godere del calore della tua belle.
Specchiarmi nei tuoi due diamanti,
che tu chiami occhi e gioire dentro;
quanto è bello il Mondo quando ci sei Tu...
Tenerezza mi mostri in ogni momento,
in cui il mio sorriso incrocia il tuo
creando magia e dolcezza, incredibile semplicità.
La mia voglia di urlare ti amo,
si accompagna alla tua vita,
che conta i miei giorni accanto a te;
cuore mio, che fa battere i sentimenti
all'impazzata,
nell'arcobaleno dei nostri giorni.

 

4
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 14/12/2012 17:18
    Un titolo dantesco per un versicolato empio di sincero amore eterno... IL MIO ELOGIO GIANNI
  • Anonimo il 14/12/2012 15:08
    Ancora una volta, Gianni, provo una grande ammirazione per questa capacità di vivere l'amore in modo così compiuto, entusiasta, solare. L'unico appunto: cambierei il titolo perché quel "mostri" mi sembra suoni strano e un po' equivoco. Ciao!

3 commenti:

  • viola il 14/12/2012 16:39
    Che bello urlare ti amo.
    Quando si ama veramente si desidera vivere l'uno nell'altra e la vita prende colori diversi. L'Amore quello vero ti riempie il cuore ogni giorno. Bellissimi e teneri versi come sempre Gianni.
  • Alessandro il 14/12/2012 15:23
    Inconfondibile per lo stile. La passione giovane è alquanto prolifica.
  • Anonimo il 14/12/2012 15:16
    Gianni, se togli "in più", magari sostituendolo con "poi", e "tuoi" davanti a diamanti, visto che poi c'è "tu" nel verso seguente, è perfetta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0