accedi   |   crea nuovo account

A Petru La Genga

Petru in vita
era 'n'acidduzzu
chi cu li versi
mittia pinni di sparvieru
cu fidi e liggirizza
si librava 'n celu
jucava a longu
cu cirri e zeffiri
'ncuntrava nevuli e pueti,
ma si scinnia
tra la genti cumuni
pi 'na filinia
s'apparalizzava 'nterra
mortu di cent'anni
e di lu postu dunn'era
nun si cataminava!
Era 'n maestru di puisia
a tutti 'ncuraggiava
ma guai a pistarici l'ummira
si appena ci tuccavi la curuna
pecura era e liuni divintava.
"Troppo se stesso
Per potersi sopportare,
morì nell'attesa di vivere
e visse nell'attesa di morire"

 

2
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 15/12/2012 03:48
    UNA QUARTINA DI CHIUSA CHE EVIDENZIA TUTTO IL SUO SCORRERE TERRENO... VERNACOLESE FINEMENTE LASCIATO PER ONORARE UN GRANDE AMICO POETA... ONORE AL MERITO... QUESTO ERA PIETRO... QUESTI SONO I TUOI MIRABILI VERSI... IL MIO ELOGIO SALVATORE

2 commenti:

  • Anonimo il 15/12/2012 07:43
    ... coi versi metteva penne di sparviero e si librava in cielo... e che sia lì ancora a giocare con nuvole e venti questo maestro di poesia! pochi tratti efficaci ed intensi a tratteggiare questo poeta dal carattere "speciale". Beddissima!
  • salvatore maurici il 15/12/2012 07:37
    La chiusa è di Tristan Corbière, poeta bretone vissuto tra ottocento e novecento. Grazie

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0