accedi   |   crea nuovo account

Il saggio errante

Vaga tra i monti il vecchio viandante,
lo zaino rotto e la tasca piena;
canta canzoni al ceppo fumante
e sorride, mentre tiene in mano
il suo cuore, che lo porta lontano.

Né dalla pioggia, né dalla roccia
il viaggiatore verrà piegato;
non teme il ghiaccio del nero abisso
o il peso del suo capo argentato.
Il suo ardore non conosce bonaccia.

Fino a quando non sarà caduto
l'ultimo sasso, e non si poserà
la cieca slavina del rifiuto,
il pellegrino, a chi lo ascolterà,
darà la chiave per ogni catena.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 16/12/2012 15:31
    Una lirica icastica e figurata, al punto da vederne tutte le immagini. Sinceri complimenti per questa straordinaria pubblicazione, davvero saggia e filosofica.
  • Don Pompeo Mongiello il 16/12/2012 11:00
    La naturalezza nel rimare è tale che rende la poesia sublime e perfetta. Bravissimo!
  • Rocco Michele LETTINI il 15/12/2012 16:43
    Un saggio del tuo saper costrurre poesia... con acuta riflessione e strutturalmente impeccabile... IL MIO ELOGIO ALESSANDRO...
  • Anonimo il 15/12/2012 15:25
    La saggezza non conosce paure. Una metafora offerta in stile narrante che tuttavia lascia intravedere tocchi efficaci di buona poesia. Una riflessione che ho fatto mia, come quando si parla con sincero garbo tra amici.

13 commenti:

  • matteo il 22/12/2012 12:14
    Ne hai percorsa di strada in te stesso Alessandro, ma sono contento che anche se ti sei sentito spezzato e vecchio come il viandante, il tuo animo e la tua volonta' abbiano retto, la saggezza è peraltro questo nel tuo caso, la vecchiezza in un corpo di ragazzo, a volte un peso, e sai perche', ma alla fine si vince sempre, AD MAIORA
  • salvo ragonesi il 20/12/2012 18:57
    e non si poserà la cieca slavina del rifiuto a chi lo ascolterà darà la chtave per ogni catena. ma non somo in molti disposti ad ascoltarlo purtroppo. bellissima questa tua lirica. salvo
  • Vincenzo Capitanucci il 16/12/2012 09:41
    In un ardente cuore... senza paure... si cela la chiave della libertà interiore...

    Bellissima Alessandro...
  • vincent corbo il 16/12/2012 07:30
    Una poesia molto interessante che mi ricorda un brano meraviglioso scritto da Juri Camisasca per Alice e Battiato che si intitola "Nomadi".
  • denny red. il 15/12/2012 23:21
    Molto Bella!! Un bell'insieme di chiavi.. tasche.. e catene.. Bravo Alessandro Ben Scritta!!!

  • Gianni Spadavecchia il 15/12/2012 21:56
    Interessanti versi Alessandro, piaciuta molto.
  • rescaldani franco il 15/12/2012 20:19
    Bravo Alessandro, non c'è saggezza senza la libertà interiore, apprezzatissima!
  • rescaldani franco il 15/12/2012 20:18
    Bravo Alessandro, non c'è saggezza senza la libertà interiore, aprrezzatissima!
  • Vilma il 15/12/2012 19:43
    stupenda lirica e stupende metafore, complimenti
  • karen tognini il 15/12/2012 19:28
    Molto bella Alessandro... complimenti!
  • Aedo il 15/12/2012 19:21
    Poesia molto bella: l'errante vagabondo simboleggia il senso assoluto di libertà, che spesso viene vanificata in una società troppo massificata. Bravissimo!
  • Anonimo il 15/12/2012 18:37
    bella la lirica stupenda la metafora... molto bella ale
  • Anonimo il 15/12/2012 17:29
    Una saggezza senza confini. piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0