accedi   |   crea nuovo account

Giallo come preludio

Se questo giallo
preludio di pianto
o di fine di un giorno
giorno come tanti,
che di questi tripudi
di colori finiti
ne ha contati a migliaia...

Se questo giallo
altro non fosse
che un riflesso di sole
morente all'orizzonte,
io mi fermerei,
ai piedi di un monte,
ad osservare l'altezza
della mia bassezza.

 

2
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 20/12/2012 11:42
    La seconda parte del testo contiene il cuore del messaggio poetico dell'autrice. Nella metafora cromatica contenuta nei versi, il giallo atteso e sperato è rappresentato dall'ultimo raggio di sole che muore all'orizzonte. In questo scenario, la bellezza assurge a livelli stratosferici, probabilmente non alla nostra portata ma sufficiente per farci sentire misnuscoli di fronte all'apotesi del creato. Meglio quindi presumere che quel giallo sia il la rinnovata promessa di di nuovi giorni che sono da vivere e non identificarlo nel giorno che muore.
    Costruzione poetica essenziale, che bada esclusivamente all'ispirazione della poesia e non a catturare obbligatoriamente l'attenzione del lettore.
  • Rocco Michele LETTINI il 15/12/2012 16:55
    ACUTO-FREDDO PESSIMISMO LASCIATO IN UN VERSEGGIO PUR APPREZZABILE METRICALMENTE... LA MIA LODE SILVIA

2 commenti:

  • silvia leuzzi il 20/12/2012 15:48
    Grazie Aurelio per la tua corposa recensione che mi gratifica. Grazie ovviamente a Rocco e ad Alessandro sempre attenti e puntuali Ciao a tutti Silvia
  • Alessandro il 15/12/2012 16:44
    Un'autocritica dura e suggestiva. Complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0