accedi   |   crea nuovo account

Giungesti a me

In un giorno solito,
conteso tra l'armonia dei sensi e
tra intimi dissapori,
il sole andava calandosi
mentre bastò un'istante del mio tempo soffermandosi per lentamente aprire
la porta incantata del cuore.

Così giungesti a me!

Come un mare calmo
ed impetuoso un attimo dopo -
dolce e delicato
come vento carezzevole.

Giungesti a me,
come primavera danzante di profumati gigli -
come narratore con lo stesso narrare mio,
come preziosa gemma - unica, la mia!

In un giorno solito,
tra pensieri e tormenti
giungesti a me.

Come sorgente di questa vita mia
per dissetarmi dal lungo tempo
ove arida fu d'amor, la mia bocca.

 

3
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 16/12/2012 05:58
    Amorevole sequela romantica in versi forgiati con stile encomiabile... LA MIA LODE CLA

1 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 16/12/2012 13:12
    Bellissima e dolce poesia.. è giunto da te, come un amore che non svanisce mai

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0