accedi   |   crea nuovo account

Piattaforma

Il mostro d'acciaio si staglia in mezzo al mare,
non un lamento ne' movenza alcuna si scorge in lui,
solo, immutato ed immutabile di vita non vissuta
da egli stesso intriso, si dipana il senso che non fu

onde si spaccano sulle sue radici che trasecolano al mormorio del muto mare
acciaio incastri di lugubri e solenni colonne che trasfigurano un'eta' che non v'è piu'
solo, agghiacciante e vano luccica al sol che lo bacia
e muore ancor immobile, nell'abisso da cui si erge.

 

3
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • matteo il 22/12/2012 12:06
    Alessandro thanks.
  • Alessandro il 21/12/2012 13:22
    Potere descrittivo davvero non comune. Piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0