PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Delle Mie Fragilità

È che son legati i nostri raggi
i paggi del pavone di colore
dei nostri abbracci
uscito da un quadro seppur in ritardo
esco espulso nel redimere il nostro sguardo

Le mie fragilità sono il grigio di questo cielo qua
le mie ardenti volontà sognano una speciale irrealtà

e si sentono e si nascondono
dopo che muoiono, vivono
dopo che nascono

Si masturbano con i peccati
sgorghi invani cadono
ingorghi di parole si aprono a me
flotti e frangiflutti flussi capovolti
e vagabondi
come la tua vitrea farfalla, s'allinea
puntella rosso porpora che si apre a me
mentre fai giri pindarici

E si sente la mia mantide
cosparge alito di neve nel fuoco
ormai bruciante e voglioso
cosparge sale sulla neve che
salati fiocchi tintillano nel tentativo
della mia gestazione d'intrinseca mistica essenza
della tua gestione delle cose
che rarefatte cadono rinascono e rivivono
per inventarsi e reinventarsi
quella rosa ancor più spumosa

di un onda di prua
di mille ed altre rose
che non sono più mie
dell'abitudine e dell'amore
dell'abitudine del mio pudore
dell'abitudine e dell'ardore

 

3
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 25/12/2012 19:56
    Dalle tue fragilità effluvia tutto un animo propenso a un paesaggio di colori... che renda il cammino sereno nel suo giulivo... IL MIO ELOGIO GIULIANO...

2 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 27/12/2012 07:45
    Bellissima Giuliano..

    Le mie fragilità sono il grigio di questo cielo qua...
  • Anonimo il 26/12/2012 09:10
    bella ed incisiva introspezione... ha ragione rocco... animo nobile... un abbraccio e bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0