accedi   |   crea nuovo account

Viaggio di mamma e figlio

La notte in qualche modo appartiene al giorno
Dopo che la madre ha fornito il primo carico di benzina il bambino e' in cammino
Ignaro della gioia, della rabbia del calore e del dubbio
Quello strano formicolio che sale dal ventre e' sempre impronta di quella prima benzina?
Che ne sara' domani di tutta quella forza che la madre ha trasportato su e giù per il tempo? Avra' forse un barlume che le consente di riconoscere con un attimo di anticipo la casa della forza in modo da poter gioire di un tornare senza rimpianti? Purtroppo il tempo e" semplice testimone e non puo' aiutare in alcun modo e così come
accade da sempre le tocchera' di trattenere il respiro e gettarsi senza certezze verso il nulla.

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 27/12/2012 17:10
    Questa tua non è certo un'opera, soprattutto non è una poesia.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0