accedi   |   crea nuovo account

Spirava uno zefiro gentil

Spirava quel dì uno zefiro gentil,
soave melodioso degli uccelli
il canto, di profumi fiori erbe
arbor odorava il bosco, fresco
il capanno, soffice il giaciglio,
lì la mia ninfa, ignudo, d'amor
pronto alla tenzone qual dio
Pan ardente il desiderio pronto
sol attendeo poi venne, vide,
persi, irata irose le parole disse:
non può esservi pugna non
battaglia con simile zagaglia!

 

2
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 29/12/2012 16:32
    Soavità di un cuor gentile e generoso come il tuo sa di essere davvero! Bravissimo.
  • Rocco Michele LETTINI il 27/12/2012 20:05
    DA L'IRONIA UN FORGIATO ESEMPLARE PER CONCETTO E RIFLESSIONE... IL MIO ELOGIO GIUSEPPE

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0