username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Non Vivo!

Non è sudore
che perla il mio viso
ma lacrime salate
che in silenzio muoiono
tra le rughe della mia solitudine.
Fatico ogni mattina
ad affacciarmi alla vita,
troppo dolore
annebbia la mia anima,
troppa sofferenza
soffoca i miei polmoni.
Povero cuore mio!
Non prova più emozioni
ucciso dai suoi stessi battiti!
Vorrei poter sperare
che un giorno
l'alba mi abbraccierà,
vorrei poter credere
che domani
la gioia mi accarezzerà...
Ma sto vivendo oggi
e niente è speranza!
Dentro di me il deserto,
non piove mai,
non c'e' oasi che mi disseti,
solo caldo e siccità
bruciano la mia pelle!
Affannoso il mio respiro
tenta di ossigenare il sangue,
ma le vene sono chiuse, strette
non permettono a nessuno di nutrirle!
Vegeto, ma vorrei vivere...

 

4
8 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 14/01/2013 18:27
    Accipicchia quanto forte questo sentimento espresso dalla tua lirica. Intensa, bella, vera, assolutamente (purtroppo) tra le più forti che abbia mai letto. Speriamo che questo cuore torni a un ritmo normale, nonostante tutte le difficoltà concrete del quotidiano che ognuno di noi deve affrontare, in questi tempi di alto medio evo tecnologico e bassissimo evo di umanità.
  • Don Pompeo Mongiello il 29/12/2012 16:37
    Alzo lo pollice e ti dico brava per questa tua unica ed eccezionale!
  • Rocco Michele LETTINI il 27/12/2012 19:36
    UNA SEQUELA MELANCONICA SGORGATA DA UN CUORE IN TORMENTO... MA VOGLIOSO DI NUOVE PRIMAVERE... E IL MIO AUGURIO SI PREGNI DI REALE... LO MERITI LAURA... CIAO

8 commenti:

  • Pietro Saltarelli il 28/01/2013 15:54
  • leopoldo il 24/01/2013 23:34
    Non c'è speranza, non c'è gioia(spero solo che ci sia stata prima), in questi versi c'è solo l'attesa della fine, Laura. Sono i pensieri di chi ha già vissuto e non ha più sogni da realizzare? O, semplicemente uno sfogo sull'amarezza che si prova quando si è consapevoli di non essere più in grado di gestire il proprio corpo?
  • Anonimo il 14/01/2013 20:47
    Chi scrive come fai tu, nelle tue opere e nei commenti sempre generosi, ti assicuro che VIVE. Versi dolorosi ma chi non ne ha avuti di momenti così?! non faremmo parte dell'essere uomini e donne. Auguri Laura!
  • Gianni Spadavecchia il 31/12/2012 21:10
    Tristissima poesia, bei versi però.. Tanti auguri!
  • Francesca La Torre il 29/12/2012 20:00
    Bellissima poesia dal contenuto veramente profondo:del resto solo dal dolore vero emergono sentimenti autentici.
  • Fabio Magris il 28/12/2012 21:41
    Le poesie del dolore sono molto toccanti e non è possibile rimanere insensibili a ciò che trasmettono, specie se chi legge ha già provato cosa significhi il deserto... Purtroppo questa è bellissima e mi ha commosso nell'anima.
    Fabio
  • Anonimo il 27/12/2012 23:31
    un grido di dolore per una poesia che addolora
  • Antonio Garganese il 27/12/2012 18:31
    Poesia che esterna grande disagio e dolore, hai fatto bene a scriverla anche questo può aiutare a capire e a sfogarsi. Sono sincero: possibile non provare più emozioni?, possibile non ci siano spiragli di ossigeno, possibile che il sangue non fluisca e il cuore non batta? Lo hai scritto, lo hai evidenziato, è un segno di vita, altro che storie. Riparti da lì e tirati su. Ok?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0