username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Come il sole e la luna

Pensa al freddo esterno
di una notte d'inverno,
mentre la stufa scalda, con vapore ligneo,
l'acuto della tua stanza.

Pensa a quanto vorresti
essere fra le sue braccia immersa
in quell'affinità di anime e di corpi
che ha solamente accennato.

Una lacrima silente
percorre
le viscere della tua mente.
Ma tarda a sgorgare.

Sei sola, lo sei sempre stata.
Lo pensi, ma non lo sogni
ti vede come sei
e gli parli di te.

Niente! È più affascinante
di una simpatia che nasce
tra le pieghe di uno sguardo
e il lampo fluente di un sorriso.

 

4
2 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 06/04/2014 15:54
    Sogni, sempre sogni, questi sogni che ci avvincono e ci stordiscono. E si aspetta la notte per vivere, sperando che una carezza bussi al nostro cuore. Molto intensa.
  • Aedo il 28/12/2012 23:33
    Il freddo esterno può paragonarsi alla solitudine interna di un essere, che tende verso l'altro, trovando solo l'illusorietà della tensione. E allora una lacrima stenta a sgorgare, perché la solitudine a volte blocca pure il desiderio di emergere, di liberare la voce. Eppure nella chiusa si profila la possibilità di un varco... Bellissima poesia!
  • marcello moiso il 28/12/2012 14:25
    Una lirica intensa e struggente... vengono sfiorati i due livelli, quello fisico e di contatto e quello "metafisico".. il senso di solitudine. Un barlume di speranza è implicito nella bella chiusa.. dove è presente la muta comunicazione degli sguardi. Bella..
  • Anonimo il 28/12/2012 14:03
    Una lirica intensa e struggente... vengono sfiorati i due livelli, quello fisico e di contatto e quello "metafisico".. il senso di solitudine. Un barlume di speranza è implicito nella bella chiusa.. dove è presente la muta comunicazione degli sguardi. Bella..
  • Antonio Garganese il 28/12/2012 11:31
    Una solitudine non dura mai per sempre e quel freddo trova una stufa per scaldarsi, quel cenno di intesa che prelude ad un sorriso. Complimenti.

2 commenti:

  • giuseppe gianpaolo casarini il 28/12/2012 17:18
    Bella.. espressiva.. di forte intensità per sentimenti e immsagini
    brava
    buon anno
  • Alessandro il 28/12/2012 15:14
    Due anime/astri che si attraggono nel sogno, distanziandosi dalla fredda e reale solitudine.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0