PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Rinascita in versi

Crescesti in una cella colorata,
la mente muta, preda dei dolori,
ragazzo dalla smorfia inosservata,
pacato tra gli sterili clamori.

Nel dedalo di dubbi mai sfumati,
pugnando, il tuo pensiero prese forza:
scrivesti cento versi sospirati,
filtrò l'amore dall'infranta scorza.

Ti sciolse da senilità precoce
il prodigo sentire, un dì smarrito.
Fu come un fiero grido, a piena voce,
o l'estasi dell'atto più proibito.

Or non insegui un serto a molti caro,
la tua passione ignora gloria eterna.
Sarà soltanto un livido più chiaro,
l'alone d'una fievole lucerna.

 

6
5 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 30/12/2012 05:33
    Semplicemente un capolavoro. Come una poesia scritta per curare qualcosa che hai di innato, la capacità di esprimere in parole, ma parole scritte in modo sublime, ciò che senti, ciò che vedi, come essere sensibile che, purtorppo, è destinato a soffrir più di tanti altri con il pelo sul cuore, che tu il tuo sentir lo esprimi in modo ineccepibile e colpisce sempre. Buon Anno. Poesia meravigliosa!!!! Bravo.
  • Don Pompeo Mongiello il 29/12/2012 16:35
    Quartine che concatenandosi in una musicalità sublime incorniciano un contenuto maturo e profondo. Complimenti vivissimi!
  • Anonimo il 29/12/2012 00:32
    Un'opera poetica davvero straordinaria nelle significative analogie e metafore introspettive raccontate dall'autore sul tema trattato. Una rinascita della mente che raggiunge una consapevolezza più grande sulla visione di nuovi pensieri. Sinceri complimenti, collega di poesia.
  • Anonimo il 28/12/2012 13:28
    ti trovo più maturo nelle poesie... e kmq questa è un piccolo capolavoro!

5 commenti:

  • Fabio Solieri il 31/12/2012 12:59
    Bravo Alessandro, poesia impastata bene, lievitata giustamente, il frutto non può essere che un buon pane.
  • Gianni Spadavecchia il 29/12/2012 13:48
    Piaciuta molto Alessandro, da apprezzare le rime alternate.
  • Domiziana Gigliotti il 29/12/2012 08:40
    Bel testo sia per il contenuto ricco di sentimenti profondi, sia per la stesura che la trovo molto curata. Complimenti e Auguri di Buon Anno.
    Ciao
  • augusta il 28/12/2012 11:59
    condivido il pensiero di maurizio... sempre bravo... 1 beso...
  • Anonimo il 28/12/2012 11:20
    Ricchi di emozione questi versi introspettivi... Piaciuta particolarmente la chiusa. Complimenti... eleganti versi introspettivi, bravo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0