PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Inflazione dai tempi classici

Per un momento
come libero
dal senso di oppressione

dei troppi debiti
di gratitudine,
o di denaro da ripagare...

Ma se hai un debito di trilioni
e trilioni di Tetradracma* di Atene...
È un brutto dracma!

Ti rendi conto,
stiamo scherzando?

Sarà il caso
di ripartir da ora?

 

4
5 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 30/12/2012 13:36
    Autore... dalla penna valente... mi complimento... apprezzata e letta volentieri... Ciao Raffaele!!
  • patrizia chini il 30/12/2012 09:23
    Humour e poesia per l'inflazione un buon antitodo al cattivo umore provocato dall'inflazione
  • Rocco Michele LETTINI il 30/12/2012 07:40
    L'INFLAZIONE RIFLESSA DAL TUO SENNO È PUREZZA IN HUMOUR E METAFORICA REALTA... IL MIO PLAUSO RAFFAELE...

5 commenti:

  • Anonimo il 30/12/2012 16:35
    Poesia ironicamente vera. Bravo Raf!

    Buon Anno!
  • Alessandro il 30/12/2012 13:49
    Purtroppo nasciamo indebitati. Apprezzata l'ironia classicheggiante.
  • Anonimo il 30/12/2012 12:34
    Guai parlare di politica... Meglio parlare d'inflazione!!! Oppure di "Anno nuovo, tasse nuove"!!!
    Decisamente no. A me sola, per non disturbare coloro che non vogliono saperne di questi discorsi, auguro: Anno nuovo, politica nuova. E poesie nuove. Vita nuova. A cominciare da quella personale. Altrimenti tutto il resto è sogno... vano.
    Auguri amici, come li volete VOI.

  • Anonimo il 30/12/2012 08:49
    Meglio ricominciare da tre. piaciuta
  • Fabio Solieri il 30/12/2012 07:30
    Rimetti i debiti ai tuoi debitori. E nel ripartir combatti il Drago!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0