username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

È del mare, Elisabetta, la sola lingua che parlo

Non sarebbe una cattiva idea
allontanarsi dalla riva, perché
il vento s'è ingoiato la voce
sincera delle onde e tu lo sai,
mia dolce amica, che quella
è la sola lingua che parlo.

"Ma neppure sulle montagne,
Suliko, trovi parole di conforto?"

No, Elisabetta, e non chiedermelo più.

Il Caucaso è appuntito come fili
d'erba a primavera e se mi
spingessi tra gli Osseti, a nord
della frontiera, le parole, laggiù,
diventerebbero fucili. "E se io,
mia Suliko, traducessi per te?".

È del mare, t'ho già detto, la sola lingua che parlo.

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • marcello moiso il 01/01/2013 03:59
    Sempre, anche in questa poesia l'autrice cosparge l'aria di profumi ed echi di terre lontane.. bella, brava..

1 commenti:

  • Maria il 02/01/2013 17:50
    Come sempre, grazie Marcello!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0