username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Estasi

Ero un corpo bruciante,
sentivo il tuo respiro caldo
sul mio orecchio, le labbra
coricate sulle mie, parlavi
di passione e non di amore,

caro mio.

Cinque giorni, cinque notti,
avvinghiati
braccio su braccio,
gamba su gamba,
desiderandoci ogni volta

ancor di più.

Solo questo dico
e nulla più.

E lascio in sospeso
quel che rimane del ricordo
e del freddo che ci ha invasi
non voglio pensare, non ora.

dolce notte, amore mio.

 

3
2 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Aedo il 14/01/2013 22:33
    Forse la passione porta all'estasi, ma anche alla consunzione, perché il coinvolgimento è totale, non dà respiro. Bisognerebbe attenuare un po' la sua forza, solo così l'amore potrebbe emergere. In caso contrario la conclusione non può che essere quella da te descritta nell'ultima strofa: il freddo e lo svuotamento...
  • marcello moiso il 01/01/2013 03:07
    Il ricordo vivo, di un'intensa passione.. il detto ed il taciuto..
    Versi intensamente vissuti.. e scolpiti.. il silenzio.
    Piaciutissima.
  • Rocco Michele LETTINI il 31/12/2012 18:53
    Un ricordo che mantiene ancora il suo profumo... Profondo verseggio diligentemente costrutto... IL MIO ELOGIO EMILIANA
    BUON ANNO
  • Anonimo il 31/12/2012 15:13
    Una passione che brucia anche a capodanno. auguri

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0