username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Le tue prigioni

Noi non la pensiamo come i preti, le donne con le minigonne non cercano di farsi violentare, al massimo vogliono essere guardate.

Ma le donne che vengono picchiate e hanno sempre pronto un "Ti perdono"?
Le donne che vengono aiutate a scappare, ma sono sempre pronte a ritornare?

Non ci saranno mai abbastanza mani a coppa per raccoglierne le lacrime.
Mai abbastanza vasche per raccogliere le mie, quando le sento disperate e sole.

Hai ancora il dolore di quel vuoto dentro, lividi freschi sulle tue gambe fragili, ma stai tornando indietro, come un'equilibrista inerme, in bilico sulle tue catene.
Ed io chi sono?
In fondo ti ho offerto solo Amore, un tetto e protezione.
Non ho manciate di lucchetti da scagliarti in faccia, posso darti solo la libertà d'agire per poi vederti piangere e soffrire.

E lui prima ti ha donato la dolcezza, per poi usarla come cappio su di te, potrà guardarti ridere per poi spegnerti a pedate.
Potrà rimpicciolirti per riuscire a stringerti, non tra le braccia, ma nell'angolo morto della sua rivoltante cecità.

Tu sei sua, giusto?
Sei sua quando ti ama a sberle, quando con le parole cerca di ucciderti e poi con le mani raccoglie i tuoi resti.

E tutta la mia comprensione si scioglie all'ombra di questo pallido sole, nel sentirti dire che stai cercando di capire, che devi decidere se perdonare.
Perdonare?
Perdonare una persona che ti ha maltrattata, cacciata, picchiata, perseguitata?

Per lui tu sei solo una puttana che ha deciso di comprare a baci e schiaffi.
Ti ha costruito una prigione, nell'orecchio ti bisbiglia Amore, ma non senti quanto urla Crudeltà?

Tu gridavi aiuto e tante braccia ti hanno stretta, facendo attenzione a non ferirti, tenendoti la porta aperta.
E da queste porte sempre meno spalancate ti guardiamo ritornare a lui, ancora zoppicante e senza niente.

Sei sempre più lontana, ma riusciamo ancora a sentirti bisbigliare.
"In fondo è colpa mia, un po' me la sono cercata."

12

2
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 01/01/2013 19:11
    HAI GRIDATO TUTTO IL PATIRE DI UNA DONNA DILIGENTEMENTE E MINUZIOSAMENTE... IL MIO ELOGIO ALESSIA... TUTTA LA MIA COMPRENSIONE...
  • marcello moiso il 01/01/2013 16:27
    Una "storia" molto toccante e che fa riflettere.
    Quell'amore che non è delle cose, ma va oltre ogni cosa.
    Brava.

2 commenti:

  • Anonimo il 01/01/2013 15:45
    L'amore vero non è debole, sa essere anche FORTE. L'amore vero mai ti fa desiderare di ridurti schiava, ti fa amare innanzitutto di essere REGINA di TE STESSA.
  • Alessandro il 01/01/2013 13:13
    Abominio è l'uomo che picchia una donna, ma è da biasimare la donna (e anche una certa parte di opinione pubblica) che accetta e, in alcuni casi, giustifica. Piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0