PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'istante infinito

Mi son tolto le mutande verdi
e rimango sempre al verde
mi dà prurito il peperoncino rosso

e se lo sfrego o lo mangio,
no, non posso. Se mi casca il sale
sopratutto sul pavimento liscio

rischio poi di scivolare.
Guardo l'uomo in cima alle scale
ma attento al tombino, e ci passo da sotto,

che aperto se ci cado, poi ti fai male.
E arrivato al duemilatredici
cerco di programmare immemore, fino

al duemilaventicinque.
Passerà anche il venti febbraio
come è passato il calendario Maya

certo è che mi pare un percorso
come arrivar scalzo da qui all'Himalaya
questo continuar a viver rabbiosi

lividi in volto, se per fortuna non percossi
che ancora gli alieni se ne stanno buoni
ma i cattivi li conducono per i fossi.

C'è chi la chiama scaramanzia,
c'è chi non vende più mercanzia
c'è chi meditando ritrova la via

il rimedio non è in un'unica saggia profezia.
Ma la ricerca continua in noi stessi
per gli altri, far ritrovare un sorriso d'amore

in qualsiasi condizione,
che il passaggio è istantaneo
e l'istante è l'infinito.

 

3
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 02/01/2013 07:53
    il passaggio è istantaneo
    e l'istante è l'infinito...

    LA FILOSOFIA "ARENIANA" IN VERSI D'ALTO CONTENUTO RIFLESSIVO COL SOLITO TOCCO D'HUMOUR CHE ESALTA IL TUO VERSEGIO... IL MIO ELOGIO RAFFALE...
  • Alessandro il 01/01/2013 23:07
    Ironia e riflessione sapientemente mischiate: una lezione su come affrontare la vita facendo buon viso a cattivo gioco, senza abbandonarsi alle frustrazioni e pensando sempre con la propria testa, senza farsi abbindolare. Tanto di cappello.

2 commenti:

  • Raffaele Arena il 02/01/2013 13:40
    Grazie di cuore per ogni Vostro incoraggiante commento, si accetta anche critiche, per poter crescere nel verseggio, nel fare, nel costruire meccanismo ritmico che rileggendolo possa divertire o far riflettere sui tempi che viviamo. Grazie ancora.
  • Gianni Spadavecchia il 02/01/2013 09:13
    Mi piace la chiusa ed il titolo(simili infatti).
    Mi congratulo per questa poesia che fa riflettere con un pizzico di ironia.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0