PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Zenit

Il lampo d'aurora desta il mio riposo
tra le dune e gli aghi di macchia
un'ombra di nuvola si allontana piano
le sue orme mi invitano all'acqua

Getto uno sguardo alla forma del mio giaciglio
alle api sull'oleandro come pianeti a gravitare
alla foresta di formiche sul monte sabbia
alle ultime falene della notte

Lavo i miei piedi e le mie mani
tergo il mio viso
nella frescura trasparente rinvengo
il vento muove le mie lunghe ciocche
come quelle di un salice riverse

Luminescenze brillanti compaiono e dissolvono
in giochi innocenti di piccole onde
lo zenit cade a picco sulla mia pelle
nel silenzio che precede il declino

Sfiori la mia mano senza toccarmi
insieme osserviamo la grande stella
bruciare un altro immenso confine
di ulivi vecchi come questo mondo

Il mare asciuga i suoi cristalli
in piccole pozze tra le rocce
mostri la via ove risiedono perfetti
piumati florilegi e l'oro del polline

La mia lacrima contiene il tuo tempo
l'avorio dei miei denti il tuo sorriso
per quest'amore senza fine mi condanni
a vivere sulla terra il tuo paradiso

 

3
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • roberto caterina il 09/04/2013 08:32
    Trovo che la chiusa sia molto bella, molto vera ed indicativa di un certo egoismo amoroso...

5 commenti:

  • augusta il 07/04/2013 11:13
    tutta è bella ma la chiusa è sublime.. 1 beso
  • augusto villa il 16/02/2013 20:53
    ... alle api sull'oleandro come pianeti a gravitare...
    Bellissima poesia, ricca di immagini che sanno donarle la giusta intensita'... Complimenti Lauraaaa!!! Bacione!!!
  • laura cuppone il 02/01/2013 17:36
    la mia Terra é come mia nonna, che sempre resterà in me...

    grazie!
    Laura
  • Alessandro il 02/01/2013 14:49
    Proprietà di linguaggio, struttura metrica, intenso cromatismo. Non male davvero.
  • Vincenzo Capitanucci il 02/01/2013 12:43
    La mia lacrima contiene il Tuo tempo... le api sull'oleandro come pianeti a sgravare la foresta da antiche formiche di sabbia..

    Bellissima Laura...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0