PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La geometria degli eventi della vita

Dal vertice alto di un triangolo
rettangolo lungo un cateto
di botto son disceso,
troppi gli attriti e la frizione
lungo la via dell'ipotenusa,
e così sopra un cerchio strano
mi sono ritrovato di cui
non conoscendo il raggio
e resa quindi l'area nulla
per l'appoggio alla caduta
sopra un trapezio anch'esso strano
mi sono ritrovato.
Una, due, mille volte
non so quante sopra vi ho danzato
come inebriato ed inebriato
poi stanco ad una vicina
sfera bella che affascinava
mi sono avvicinato cercando
incautamente di toccarla
così con lei son rotolato
fino al parcheggio dei solidi
parenti. Qui per farmi bello
un cilindro mi sono messo in testa
e un grosso toro colorato al collo
poi preso un parallelepipedo alto
e sopra di lui due alti cubi
per appoggio evitando
con fatica i tanti prismi e le punte
dei tanti coni lì vicini, con fatica
mi sono arrampicato fino alla punta
appuntita di una piramide strana
per ritrovarmi infine e sempre,
sconsolato e triste, sul quel vertice alto
di quello stesso triangolo rettangolo.
Dal vertice alto di un triangolo...

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 03/01/2013 10:06
    Molto apprezzata e piaciuta questa tua veramente tanto tanto bella!
  • Rocco Michele LETTINI il 03/01/2013 07:47
    LA GEOMETRIA DEL REALE LA DEFINIREI... FORMULE DI RIFLESSIONE E DI MEDITAZIONE... IL MIO ENCOMIO GIUSEPPE PER QUESTO TUO ACUTO VERSEGGIO...

1 commenti:

  • Maria il 02/01/2013 18:02
    Bellissima, vorticosa ma sapientemente costruita. Mi piace in particolare la struttura a "cascata" e lo stridio dei suoni. Complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0