accedi   |   crea nuovo account

Rievocando il cielo

A monte
in fior di fontane sfuggenti alla notte
si rievocano in un bacio

le stelle

in un perpetuarsi di celesti ruscelli

acqua luce e vento si rincorrono nelle trasparenze della mente con mordente passione

in un turbinio di particelle d'alba

rapite

da lampi eterni

a memoria di cielo

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 07/01/2013 12:35
    Stile che si sta allontanando da lo Poeta che ho conosciuto, bravo comunque, ma in decrescenza.
  • Anonimo il 06/01/2013 04:25
    Un miscuglio di versi dolci e suggestivi descrivono un paesaggio incantevole e davvero delizioso, nell'immaginario dell'autore. Un poetico testo davvero magnifico, per stesura e contenuto.
  • giuliano cimino il 06/01/2013 00:29
    un paesaggio di infinita immaginazione realta' messe insieme sapientemente dalla tua saggezza letteraria e poetica
  • Rocco Michele LETTINI il 03/01/2013 20:30
    UN AMORE INTRISO SI SENTIMENTI UNICI... IL MIO ENCOMIO VINCE'
  • Anonimo il 03/01/2013 14:56
    Quando la bellezza in note, canta tra belle immagini e dolci parole, l'immenso, d'un amato grande, amore - Davvero fantastica...
    Bellissima Vincenzo sensazioni uniche...

10 commenti:

  • loretta margherita citarei il 03/01/2013 19:00
    emoziona molto, incantevole cap
  • anna rita pincopallo il 03/01/2013 17:30
    è bellissima trasmette sensazioni fantastiche lasciando nel cuore tanta dolcezza
  • Anonimo il 03/01/2013 16:45
    Pensiero condiviso. poesia bella bella
  • silvia leuzzi il 03/01/2013 16:37
    L'allitterazione paranomastica prodotta dalla ripetizione di parole " F " dona un respiro, come brezza di vento all'incipit di questa lirica. La consonanza metonimica di " celesti ruscelli " in equilibrio con il verbo " perpetuarsi " ci fa quasi sentire con le orecchie della mente, il rumore di questa acqua di cielo, che si riallaccia a quel " turbinio di particelle d'alba " meraviglioso trasferimento semantico del concetto dell'amore e della passione. Sentimenti eterni ma fugaci, impressi nella memoria dell'uomo.
    Io c'ho provato a non dire le solite cose ovviamente mi è piaciuta molto Ciao Silvia
  • Anonimo il 03/01/2013 15:35
    Eh sì Vincè... questa è davvero ipnotica!
  • Anonimo il 03/01/2013 13:40
    Mirabile turbinio di luci e suoni... POESIA VERA, INTENSAMENTE COINVOLGENTE.
  • Gianni Spadavecchia il 03/01/2013 13:33
    Bellissimi versi, delicati e stupendi da leggere.
  • Alessandro il 03/01/2013 13:23
    Fortemente visionaria, passa in rassegna una a una le forze della natura, paragonandole alla potenza di un sentimento indomabile.
  • karen tognini il 03/01/2013 13:19
    Bellissima Vince...
  • Anonimo il 03/01/2013 12:12
    A valle, ma a monte, un bacio da sballo rievoca stelle filanti, tuoni e fulmini, forze della natura che la passione matura e che il cielo registra... e poi vi mette anche il voto.
    L'amore è l'amore al di là d'ogni dolore.
    Bravissimo come sempre Vincé!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0