PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'Autunno

Con nebbie mattutine ci avverte San Martino,
giornate corte e spente un sole quasi assente.

Un gradevole tepore c'è in un vecchio casolare,
nel camino arde un ciocco, la pizza rossa sotto il coppo.

Una nonnina assai graziosa dolcemente si è assopita
nel suo pesante scialle, fuori un bel giardino.. quante foglie gialle,
uggioso grigio e cupo il cielo è tutto chiuso,
il vento fischia forte sulle vissute porte.

Su una siepe di mirtillo solingo un merlo stà, ma un
paffuto pettirosso sopra un ramo gli è a ridosso,
tavolozze di colori si stagliano a contorno
e malinconiche emozioni sovente fan ritorno.

Avvolti nella nebbia un filare di alti pioppi
e in mezzo i cacciatori.. si odono gli schioppi,
le terre già arate sì brulle e desolate
tutte intorno sono di un colore rosso bruno.

Scenari suggestivi disegna la natura e un
dolce pizzicore arriva in fondo al cuore..
indefinita sensazione governa il nostro umore.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 10/01/2013 08:53
    UNA SEQUELA DI NITIDI SCENARI AUTUNNALI MIRABILMENTE FOTOGRAFATI... IL MIO ELOGIO MARCELLO...

2 commenti:

  • Ellebi il 04/01/2013 20:43
    Bravissimo, tu hai cantato magistralmente la campagna veneta più tipica, citando addiritura San Martino, patrono di Piove di Sacco, e i casolari, e i campi già arati, e i pioppi, e il merlo e il pettirosso, ed è davvero il nostro autunno, anche se sembri rievocare tempi andati. Complimenti e saluti.
  • Alessandro il 04/01/2013 19:43
    Suggestione pascoliane di vita semplice in una stagione dura. Complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0