accedi   |   crea nuovo account

I francesi alle porte

Quanto sei bella mentre dormi
Te guarderei per ore e ore
A fa' la guardia, sta luna de sangue
mentre affilo la lama della mia libertà

i francesi alle porte, me portassero via
se dice che da loro so quasi tutti uguali
mica c'è er Papa, che ce pesa sulle spalle
co Napoleone 'na patria da amà

Quanto sei bella mentre dormi, Flaviè
te preparo la valigia che all'alba ce tocca partì
Se ce pensi bene Parigi nun è così lontana
Aspettamo l'aquila vittorioso da Waterloo

Sento già la Marsijese, pe le strade della città
ma che ne sanno sti burini, quello che vor di
basta che magnano trippa e pajata a volontà
e nun s'accorgono che stamo fori da quello che succede nel resto der continente

Quanto sei bella mentre dormi Flaviè
nun sai che bella vita piena de libertà
Io a Castello nun ce vojo più annà
I giorni de gloria so arrivati.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Donato Delfin8 il 19/01/2009 02:49
    Bella. Grazie a presto
  • Anonimo il 02/01/2009 19:03
    !!!
  • Alessandro Barsottini il 23/10/2007 17:47
    Non si legge spesso poesie scritte su epoche passate.
    Bravo
  • Carlo Diana il 28/07/2007 00:08
    bella, originale
  • alberto accorsi il 27/07/2007 13:26
    Non l'ho capita bene.
  • sara rota il 26/07/2007 13:24
    A me il dialetto romano piace e di conseguenza anche la tua poesia.
  • Luigi Lucantoni il 26/07/2007 11:39
    quanno m'ao ittu che u papa era tornatu, me ne so itu a casa, me so chiusu a chiave e me so missu biastimà a rotta de collu.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0