PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La Soluzione Armonica E Metrica

Non c'è soluzione
alla mia malattia
non c'è, non c'è, non c'è
non c'è una medicina
che la sappia fare andare via
che la possa fare andare via
che la faccia mandare via
no, non c'è, non c'è, non c'è

Le mie parole vanno e
tornano da me
le mie paure che
non dicono, che..
non dicono nient'altro.. di me
non scelgono me
non scelgono te

Questa notte vagano nel buio fatto di nebbia
questa nebbia di torino che sembra inghilterra

senza sapere il motivo
scrivo una strofa e tolgo una parola
senza sapere il motivo
riscrivo un verso e tutto ha più senso
senza cercare un motivo
non ho bisogno di sentirmi più vivo
senza cercare un perchè
... le mie parole che perdo in te
le mie parole che cercano te
le mie parole si perdono in te
le mie parole che perdo in me
le mie parole che perdo in te
le mie parole che si perdono in te

Foglio o schermo senza scherno
senza sdegno, non disdegno
il tuo bianco sterno polposo come la mia mano
[e come il grano, è come il grano
come fosse il mio Regno
il segno che dò di me
il regno delle mie parole
il sogno che ho di te
il segno che lasciano le mie parole
il segno che dai di te
il regno delle mie parole
il segno che lasci te
il segno che dai tu a me
il segno che dò di me..

E il giovane poeta abdicò
cercando e trovando un suicidio di idee
un aborto spontaneo delle sue rime
collane di rame, di infissi e spine
strade prese volute, sterrate o asfaltate
scelte, o non scelte, fatte o rifatte
scritte o riscritte nel suo solito La minore..

 

4
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 22/03/2014 16:01
    E la seconda poesia che leggo oggi e che ha un inconfondibile stile ermetista ma questa volta alla Ungaretti (che mi piace più di Montale).
    Dentro un'analisi lucida (e non ermetica) della diagnosi di una malattia di cui resta sempre qualche traccia e qualche sintomo. Con l'amore non si scherza.
    E poi colgo due indicazioni di tipo antropologico (o meglio geografico): Corso Inghilterra e Torino con la sua nebbia! Beh, direi che non c'è male per un commento.

3 commenti:

  • stella luce il 09/01/2013 22:59
    musicalità come sempre tra i tuoi versi che parlano di vita...
  • loretta margherita citarei il 06/01/2013 03:46
    concordo con alessandro
  • Alessandro il 06/01/2013 00:58
    Visionaria introspezione nelle vesti di canzone.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0