PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lettera dal cielo

Non piangete figli miei
sopra questa terra
che mi consuma!
Alzate gli occhi al cielo,
da oggi io sono qui:
nel regno dell'eterno,
dove spazio e tempo
non hanno più misure...

Voglio dirvi ancora
parole di padre
e chiedervi scusa
se qualche volta
non ho saputo mutare
i miei silenzi in parole,
la mia rabbia in ascolto,
la mia foga in abbraccio.

Se solo avessi
scavato più a lungo
nei vostri occhi,
a volte bassi...

Oggi, più di prima,
io resto al vostro fianco
esortandovi a non cedere
ai silenzi del cuore,
al rumore delle passioni,
alle lusinghe della vita!

Non rinunciate mai a cercare
il significato delle mie parole
tra le pieghe del vissuto.
E non basteranno le tempeste,
anche nelle notti più buie,
a spazzare via
i ricordi a voi più cari.

Cercate nei giorni che verranno
i segni della mia presenza
e risentiamoci nei sogni:
io saprò parlarvi ancora...

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0