PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A mia figlia

D'estate ti tenevo tra le braccia
sugli arenili caldi delle spiagge,
e insieme cercavamo tra le rocce
conchiglie consumate dalle piogge.

D'inverno ti portavo sulle spalle,
fra sagre e ricorrenze di borgate,
per evitarti il bagno di una folla
che divorava rustiche crostate!

Ed ora mi sorprendo ad inseguire
i segni del tuo nuovo portamento,
soffrendo per quel lesto divenire
che suscita nell'uomo il sentimento.

Nell'aria sonnacchiosa del mattino,
fragranze che risvegliano la mente:
profumi di quel trucco sbarazzino
esaltano il tuo corpo adolescente.

Il tempo, intanto, vola via
e ti ritrovo donna all'improvviso,
tu che dissolvi la malinconia
dei giorni, spesso, avari di un sorriso.

Ma il cuore resta preda dei pensieri
e annaspa se la sera torni tardi,
in questa selva dove quei guerrieri
al buio ridiventano codardi!

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 06/01/2013 22:39
    Preoccupazioni e nostalgie per una figlia che cresce, scoprendosi donna. Nella terza e nell'ultima quartina abbiamo esempi di genialità pura. Dovrei chiamarti Maestro.

1 commenti:

  • Anonimo il 08/01/2013 08:36
    mirabile lirica piena di sentimento... di nostalgie lontane verso un figlio ormai cresciuto mentre noi continuiamo ad esser bambini... ti capisco salvatore...
    ps leggo pochi commenti merita molto di più...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0