username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Chiome d'autunno

S'adagia sul terreno una cascata
d'autunno, e le persone inquiete e ignare
s'affrettano su pista colorata.

S'intrecciano in beltà, del Sol consorti,
dorati fili dell'arborea chioma,
minuscoli ornamenti appena scorti.

Radiosa la più giovin fra le foglie
cadute; sa che anch'ella andrà dissolta,
ma sete di lamento mai la coglie.

Sua sorte sembra a molti cosa truce;
non sanno che, alfin libero, il suo spirto
in terra scorre e d'ogni ciel riluce.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 08/01/2013 07:18
    Terzine semplicemente stupende.
  • Salvatore Masullo il 07/01/2013 21:33
    Nel componimento sembra toccarsi con mano quella striscia colorata riservata al passaggio dei pedoni mentre sul suo limitare si adagiano autunnali cascate di foglie. Tra gli alberi si infilano e si impigliano tiepidi raggi d'autunno che sembrano vadano a colorare d'oro i rami. Bella, sul finire del componimento, quella giovane foglia che, pur sapendo di decomporsi e divenire humus per la terra, rimane felice lo stesso, in attesa degli eventi. Bravo poeta, hai una bravura notevole nel far vibrare le corde interiori dei tuoi lettori.
  • Anonimo il 07/01/2013 15:18
    Un autunno che arriva lasciando nel cuore un'emozione unica... versi che incantano il lettore e lo avvolgono di piacere. Bravo...
  • Rocco Michele LETTINI il 07/01/2013 14:39
    M'è parso scorrere Dante ne li suoi pregevoli endecasillabi enon per caso in terzine... Aureo il costrutto autunnale... IL MIO ELOGIO ALESSANDRO
  • marcello moiso il 07/01/2013 13:55
    La vita, la morte, il rigenerarsi della natura, l'occhio saggio che osserva.. in un bel verseggio.
    Bravo Alessandro.
  • Anonimo il 07/01/2013 13:28
    Una poesia particolare e diversa da moltre altre, come stile e temperatura di sviluppo, che descrive meravigliosamente la visione dell'autore sull'autunno, da lui vissuto nell'anima. Suggestive metafore rendono preziosa l'intera pubblicazione.
    P. S. Ho notato che non fai MAI recensioni alle poesie. A questo punto mi domando quale sciocco sono io, nel continuare SEMPRE a farle agli ALTRI!

11 commenti:

  • Vincenzo Bombardieri il 30/10/2013 08:39
    Poesia molto bella con note velate di una sottile malinconia.
  • Anonimo il 08/01/2013 19:53
    Bellisime immagini dell'Autunno. Versi molto belli. È POESIA.
  • Alessandro il 08/01/2013 15:58
    Caro Pietro, grazie dei complimenti. Il mio piccolo lavoro contempla sì un ciclo naturale di rinascita e speranza (nulla si distrugge, tutto si trasforma), ma non mi sentirei di strumentalizzarla per parlare di creazione e destino dell'uomo. La mia spiritualità è indipendente da ogni credo.
  • Pietro Saltarelli il 08/01/2013 09:49
    Caro Alessandro son lieto di leggere questa stupenda opera, dalla quale emerge una stupenda visione della Fede nella Creazione e nella sorte dell'Uomo. E io ti Benedico.
  • Anonimo il 08/01/2013 07:44
    Versi sopraffini che creano piacevoli immagini e infondono speranza... il mio plauso più sincero Alessandro!
  • Anonimo il 07/01/2013 16:14
    nulla va perduto bellissima osservazione in magistrali verso bravo
  • augusta il 07/01/2013 14:32
    sempre molto bravo ancora il mio plauso
  • Gianni Spadavecchia il 07/01/2013 13:51
    Molto bella e tanto piaciuta. Complimenti.
  • Anonimo il 07/01/2013 13:28
    Bellissime immagini dell'autunno, con uno sguardo rivolto al circolo vita, morte, vita.
  • giuseppe gianpaolo casarini il 07/01/2013 11:26
    Decisamente bella per immagini narrazione versi finali
  • Anonimo il 07/01/2013 11:17
    Bella e ancora bella e piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0