PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il cielo sopra la stanza (dissociazione onirica tra Paoli e Wenders)

(a volo di gabbiano)
se vedo il vento limare i granelli di sabbia
percepisco le gambe in paresi
ma sono a rotta di collo, giù , dalla duna
coperto da un tramonto che sa di ostriche vive

(parentesi melodica)
l'orecchio si dissocia dall'unicità della sorgente
l'occhio è un ladro senza sosta
si protendono le mani, pretendono e m'incanto
sulle gobbe false, ridendo dietro i denti di menta

(bar della stazione)
guardo passare l'ultimo vagone di ricordi
aizzo di rabbia il mastino alla gola del levriero
il barista provvede alle mie ferite
in mano il cristallo mi specchia di brutta figura

(freddo in banchina)
il ferodo che stride, un terremoto alla carne
epicentro sui nervi, già sotto tensione
il vetro appannato è un separè che cela
ghirigori di dita, un saluto velato... distratto

( amo le rovine)

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Alessandro il 09/01/2013 11:51
    Estremamente sperimentale, un torrente di ricordi a metà tra poesia, automatismo psichico e sceneggiatura. Complimentoni.
  • augusta il 09/01/2013 07:03
    molto originale e nello stesso tempo... bella... 1 beso...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0