PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Compromesso

Nun capiscu
pecché l'erba
e o vicinu
meglio è
e a nuosta;
ma se la nuosta
e o vicinu
meglio è,
anco accussì
nun è cosa;
allora facimmu
na bella cosa,
ricimmu
ca su tutte
e duje bone,
e in santa pace
vivimmo nuje
e loro.

 

2
3 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • franco buniotto il 10/01/2013 08:08
    Grande poesia per me, nella stesura e nel contenuto. Complimenti Don Pompeo! ***** Franco
  • Raffaele Arena il 10/01/2013 03:33
    Per le poesie in dialetto ho un debole. Questa è forte, è un segnale preciso di condivisione di un senso di empatia, senza invidie e rivalità. Bellissima.
  • Rocco Michele LETTINI il 09/01/2013 19:24
    TOGLIAMO LE RECINSIONI E LA FIORITURA SARA' UNIVOCA... TANTO AMORE DON... IL MIO ENCOMIO...
  • Anonimo il 09/01/2013 15:25
    E così facciamo pari e patta e ognuno si tiene il proprio. Nun fa 'na piega!

3 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 10/01/2013 11:34
    Godibile! ...
    Usandola come metafora possiamo estendere la difficoltà di comunicazione con chi abbiamo intorno nella vita!
  • Anonimo il 09/01/2013 19:41
    che regni tranquillità e serenità ... bel messaggio
  • Grazia Denaro il 09/01/2013 14:51
    Un ragionamento assennato cercare di vivere in pace con tutti. Ciao Don!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0